RAPPRESENTARE LA NOIA

Estote Parati


RAPPRESENTARE LA NOIA

Ognuno di noi vive la noia in modi diversi . C’è chi la noia la percepisce “guardando” i libri di scuola che dobbiamo studiare, come succede a   Noemi, chi come Marta che osserva la campagna dove è esplosa la  primavera ma non la può vivere; oppure ci si sente come la bambola di pezza di Noemi che desolata guarda il mondo che si trova al di fuori della finestra senza poterlo toccare ed Elisa che come tutti noi conta i giorni che mancano alla fine di questa “prigionia” e non vede l’ora di uscire a vivere e godersi la natura .

Sq. Castori, Treviglio 1.

Lascia un commento